Sinnai / Sìnnia

Il Comune di Sinnai è uno dei più estesi comuni della Sardegna, 223,91 Kmq.
La cittadina, di circa 17 mila abitanti, conserva ancora caratteristiche e tradizioni tipiche della cultura agropastorale.

Sinnai rappresenta una meta turistica di notevole interesse sotto molteplici aspetti:

  • l’artigianato artistico. Sinnai è famosa per i suoi cestini – su strexu ’e fenu – unici nel loro genere per la qualità e per i materiali utilizzati quali il giunco e il fieno – veri e propri oggetti artistici che rappresentano ancora oggi una tradizione secolare presente in diverse famiglie e risorsa economica per alcune di loro;
  • Si usava portare in dote nei matrimoni composizioni “de strexu bonu” come queste: Su Cofinu, Pallineddas, Crobededdas, unu quadrittu

Su Pallini

  • la storia – La Sardegna è conosciuta in tutto il mondo per le sue acque cristalline e per ospitare i resti della civiltà nuragica, ancora in larga parte misteriosa e per questo motivo oggetto di continui studi da parte degli archeologi. Sinnai, in questo contesto, si allinea alla maggior parte dei comuni dell’isola, ospitando nel suo territorio numerose testimonianze del periodo nuragico.Una delle testimonianze nuragiche più significative presenti nell’area comunale di Sinnai è riconducibile al nuraghe Ferricci. Si trova nella località omonima, nella frazione di Solanas che si affaccia sul mare, e al nuraghe si univa anche un villaggio, oggi non visibile. Vicino al nuraghe si può ammirare la torre-capanna di Sa Guardia, e una piccola costruzione megalitica, che dista a circa 400 metri. Nella località di Monte Taulaxi si può visitare il nuraghe Pirrei. Trovandosi su un colle, il nuraghe ha una posizione dominante rispetto all’area, e faceva parte di un sistema di altri nuraghi monotorre con la finalità di controllare al meglio le risorse del territorio. Infatti, da questo punto strategico si possono scorgere i nuraghi di Bruncu su Castiu e Masoi Porcus, connessi col complesso nuragico di Bruncu S’Allegau. Nell’area del nuraghe Pirrei sono presenti due tombe dei giganti. Un altro sito archeologico nuragico afferente all’area di Sinnai è Sant’Itroxia, che ha dato il nome alla località nel quale è stato edificato. Anche il nuraghe di Sant’Itroxia faceva parte di un sistema articolato di controllo del territorio, in connessione col nuraghe Baccu Mereu. Nella zona erano presenti due tombe dei giganti, una delle quali è andata distrutta.
  • Nel paese, il centro storico in selciato, si trovano diverse case tipiche campidanesi tradizionali, la parrocchiale di Santa Barbara situata nella centralissima piazza Chiesa e il Museo civico archeologico che ospita anche la Pinacoteca con il suo campionario di arti figurative e nei dintorni ricchi di vestigia nuragiche, puniche e medievali.
  • Il nuraghe Sant’Itroxia

 

  • Placchetta in bronzo raffigurante un cavallo al galoppo, rivolto a sinistra. È decorato a occhi di dado sul collo e sulla sella.
    VI-VII secolo dopo Cristo
  • la cultura gastronomica che permette, attraverso agriturismo e ristoranti, di apprezzare i sapori autentici di Sardegna, come i ” Malloredus a sa campidanesa”:
  • Risultato immagini per malloreddus campidansesi a sinnai
  • le attività ricreative e culturali, in tutto il vasto territorio comunale è possibile visitare mostre e assistere a spettacoli vari. In particolare a Sinnai opera il Teatro civico, inaugurato nel 2004, che organizza, in coproduzione con L’Effimero Meraviglioso, la stagione teatrale di prosa, con una programmazione di spettacoli, dal teatro classico al contemporaneo, dal musical alla danza, che cerca di andare incontro ai gusti di un pubblico eterogeneo;
  • Risultato immagini per teatro a sinnai
  • le attività sportive, a Sinnai è possibile praticare molte discipline sportive in quanto il comune è provvisto di molteplici impianti. Per l’attività all’aria aperta, la Pineta di Sinnai come parco urbano è frequentatissima tutti i giorni, vicino a Cagliari e sicuramente il polmone verde più importante. In tutto il territori montano è possibile partecipare ad attività di escursionismo montano durante tutto l’arco dell’anno e in quello delle frazioni, San Gregorio, Tasonis e in particolar modo a Solanas e Torre delle Stelle, è possibile praticare sport acquatici.
  • Arenile di Solanas

Torre costiera di Solanas

Spiaggia  Genn’e Meri – Torre delle Stelle

Le montagne:  Serpeddì, Sette Fratelli e Monte Genis

Risultato immagini per monte serpeddì

Risultato immagini per sette fratelli

 

Sagre e feste popolari

Le numerose sagre e feste popolari rappresentano autentici momenti di vita cittadina in cui le migliori espressioni etnomusicali e  folkloristiche di Sinnai trovano spazio. A queste si aggiungono manifestazioni di interesse generale che riguardano attività sportive internazionali, rassegne corale e festival di spettacolo internazionali.

Le manifestazioni sociali di più antica tradizione sono quelle legate al carnevale e alle festività religiose che si succedevano nell’arco dell’anno con una cadenza imposta dai ritmi delle attività agricole.

Per il Carnevale si manifestano:  Is cerbus, Is Parillias, Is Crobus, Su Cranovali Motu, ecc.

Risultato immagini per is pariglias sinnai

Le feste di carattere religioso più importanti sono quelle dedicate a Santa Barbara, patrona del paese, celebrata nella seconda o terza domenica di luglio, la festa dei Santi Cosma e Damiano, festeggiati nella terza domenica di settembre, e la festa di Sant’Elena, l’ultima settimana del mese di agosto, e che insieme alle feste per Santa Vittoria, San Bartolomeo e Sant’Isidoro mantengono inalterato lo spirito del rito campestre.

Il culto dei santi, e in particolare di quelli della tradizione greco-bizantina, si è conservato fino a oggi e, annualmente, si trasforma in coinvolgenti momenti di festa collettiva nelle antiche chiesette rurali, sparse nel vasto territorio del comune.

Chiesa parrocchiale Santa Barbara

 

Risultato immagini per chiesa santa barbara sinnai

Tre scorci del centro storico:

Via Matinez

Risultato immagini per chiesa santa barbara sinnai

Pratza Funtan’e Olia

Risultato immagini per il centro storico a sinnai

Via Roma ( Dipinto della bravissima Luisa Spanu)

Canti in lingua sarda campidanese